19 febbraio 2009

Juliet finito e si ricomincia!!

bottone JulietHo trovato i Bottoni!!!,
già da qualche giorni in verità, erano lì nella meravigliosa scatola dei bottoni!! Era la nonna Dora che li teneva da conto: da ogni cosa che veniva guastata o buttata lei teneva da conto i bottini in una scatola da scarpe, ricordo ancora quando ero piccola e imparavo a contare tirò fuori qualche bottone per aiutarmi quando le dita non bastavano più, o quando per tenrci impegnate, ma anche per abituarci all'ago ci faceva infilare collane di bottoni, o quando li usavamo come soldi!! Poi un giorno io e Graziella ci siamo messe di impegno e li abbiamo divisi per colore in tante scatoline, la nonna apprezzò: era più facile cercarli; E, ogni volta che apro le scatole, veniamo sommerse dai ricordi: la camicetta della nonna, la mia giacca... e via negli anni, per farla breve il bottoni sono del paletot che portava negli anni 60 mia madre, perfetti e giusto tre come andavano allora stesso tono di grigio!!!
juliet#7 - finito!!!
Ma il Juliet mi è piaciuto e così tanto e così con la lana rimasta ne ho cominciato uno per Carlotta....
.......Juliet Carlotta#1
....ma non è mica finita Arianna aspetta il suo color petrolio, la sfida è finirli tutti per Pasqua !!!

10 commenti:

  1. Sono perfetti. Mi piace l'idea di allacciarli due da una parte e uno dall'altra.
    ciao ciao

    RispondiElimina
  2. Sti Juliet sono un po' come le ciliegie.... uno tira l'altro...:-)

    Allora rimango in attesa di vedere finiti quelli per le tue ragazze...:-)

    RispondiElimina
  3. meraviglioso ma....sai per caso dove si può trovare il modello in italiano? oppure...non è che puoi mettere anche a nostra disposizione la traduzione di Alba? :-) ...lo so ...chiedo tanto :-)Chiara

    RispondiElimina
  4. X Maria Chiara

    visto che mi citi mi sento libera di commentare
    Manuela ha comprato il modello, che e' coperto da copyright, poi me ne ha chiesto la traduzione
    (che ovviamente non ho conservato in quanto il modello non era il mio!)

    se fai lo stesso posso tradurla anche per te

    Alba

    RispondiElimina
  5. x ALBA: saresti gentilissima. non so bene come funziona per comprarlo, su Raverly mi sembra. mi metto in azione e ti dico ! :-) intanto grazie 1000 :-))) Chiara

    RispondiElimina
  6. mitica Amelia sono sicurissima che ci riuscirai!!!
    Sai che quella scatola con i bottoricordi ce l'ho anch'io......è bellissimo come da un bottone per una giacchetta si possa arrivare a episodi e racconti lontani ricordandosi così le risate, le gioie e le lacrime!!!!!!!
    a presto e buona vita!

    RispondiElimina
  7. ...il brutto è che di Nonne Dora ce n'è sempre di meno a questo mondo. Mi sa che l'idea della scatola da scarpe gliela rubo, adesso ho ottocentomila scatoline e non trovo mai niente. Un bacio a te... e anche a Nonna Dora, che sono sicura stia ricamando le tuniche degli angeli.

    RispondiElimina
  8. Anche la mia mamma tiene ancora una scatola di metallo piena di bottoni eriditata dalla sua nonna..ci ho giocato un sacco da piccola:))
    Il tuo juliet è venuto bellissimo e quei bottoni ci stanno proprio bene!Chissà quando riuscirò a finire il mio!bacioni
    Stefania

    RispondiElimina
  9. Stefania@ presto prestissimo!!! ieri sera (grazie a Sanremo) ho finito il jliet di Carlotta, e devo cominciare quello di Arianna, dimmi quando arrivano i ferri circolari che riparto insieme a te!!

    RispondiElimina
  10. è venuto benissimoooooo....io ho mollato l'osso, quel gilet che avevo scelto è un casotto farlo...sono treccine continue...ci vorrà qualche anno per finirlo...mi sa che sfilo e cerco qualcos'altro!!!
    baci
    Simona

    RispondiElimina

Grazie per passaggio ed il commento!!
ora mi trovate qui Http://Ameliabefana.wordpress.com